Amarcord: il 14 febbraio 2009 l'ultimo derby con il Livorno

di La Redazione
articolo letto 2188 volte
Foto

Una delle pochissime gioie in una stagione ricordata come una delle più tragiche della storia del calcio pisano. Esattamente il 14 febbraio 2009 all'Arena Garibaldi dopo 7 anni tornava il derby tra Pisa Livorno, che in Serie B mancava dal 1970. La formazione amaranto, allenata da Leo Acori, si presentava da capolista e con una striscia di 17 risultati utili consecutivi che si concluse proprio quel giorno. Partita solo per abbonati e vietata agli ospiti con le assurde norme che hanno minato il calcio e che iniziavano ad essere applicate sempre con maggiore insistenza non potendo permettere che fosse un vero e proprio derby sugli spalti, ma in campo le due squadre non si risparmiarono. I nerazzurri dall'attuali CT della Nazionale Italiana Giampiero Ventura passano in vantaggio dopo 10 minuti: sponda di Joelson per Beppe Greco che con un gran sinistro al volo fulmina De Lucia. Il pareggio del Livorno è un'invenzione di Diamanti che su punizione da 30 metri infila il pallone sotto l'incrocio. Ma gli amaranto non hanno neanche il tempo di gioire che il Pisa torna in vantaggio: punizione dalla destra di Gael Genevier e stacco aereo di Federico Viviani, pisano classe 1981, che sigla la rete che deciderà il derby in favore dei nerazzurri dopo 32 anni. Nella ripresa ci sarà spazio per un palo clamoroso di Antenucci e per due contropiede gestiti non benissimo da Greco ed Alvarez ma anche per il cartellino rosso a Diamanti a causa di un brutto intervento su Zavagno. In quel Pisa oltre a Ventura che ora guida l'Italia c'era anche Leonardo Bonucci difensore della Juventus e della Nazionale di cui fa parte anche Antonio Candreva che all'epoca militava nel Livorno che in difesa aveva quel Grandoni che oggi allena la Primavera nerazzurra.



Altre notizie
Martedì 15 Agosto
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI