Il Pisa fa tris all'esordio contro il Latina malgrado Abisso

di Andrea Chiavacci
articolo letto 891 volte
Favasuli esulta dopo il rigore
Favasuli esulta dopo il rigore

Una vittoria larga all'esordio nonostante il brutto infortunio a Suagher e l'inferiorità numerica per quasi tutta la gara. Il 3-1 del 2 settembre 2012 al Latina lancia i nerazzurri di Alessandro Pane. Nessuno però può immaginare che quella sarà la finale playoff che i nerazzurri conquisteranno senza mister Pane, esonerato dal presidente Battini dopo il k.o. di Nocera affidandosi nuovamente a Dino Pagliari. Una finale senza gli allenatori di quella prima di campionato, visto che anche il Latina esonera nelle ultime giornate Pecchia per richiamare Sanderra. Protagonista di quella gara l'arbitro Abisso di Palermo che è tornato agli onori della cronaca nerazzurra proprio domenica scorsa a Vicenza. In entrambi i casi la squadra di casa ha vinto in dieci.

 

Mingazzini rosso, Tulli eurogol. L'inizio non è incoraggiante e dopo appena un minuto il giovane difensore Suagher subiva un duro infortunio. Al suo posto Pane inseriva Rozzio che sarà determinante nel corso della gara. Il Pisa prova a fare la partita e impegna Bindi con tiri da lontano. La possibile svolta in negativo alla gara dei nerazzurri potrebbe arrivare quando Mingazzini commette un fallo da dietro che l'arbitro Abisso di Palermo giudica da rosso diretto, decisione troppo severa. Ti aspetti un Latina più deciso e invece esplode il Pisa: Al 40' Lancio lungo di Colombini per Perez che appoggia di testa per Tulli, stop di petto e gran destro all'incrocio dei pali.

Pisa inarrestabile. Dopo un paio di belle parate di  Sepe in avvio di ripresa su Barraco e Tortolano, il Pisa riprende a macinare gioco e non da scampo al Latina. Al 54' Favasuli è sulla mattonella buona dal limite dell'area ma la sua punizione a girare scheggia la traversa. Passano due minuti e arriva il raddoppio: corner di Sabato dalla destra, testa di Rozzio, Bindi respinge ma Rozzio viene messo giù a pochi metri dalla porta. Dagli undici metri Favasuli spiazza Bindi. Il raddoppio infonde sicurezza nei nerazzurri pisani che non risentono dell'inferiorità numerica. Nel finale Barberis subentra a Rizzo e poco dopo va in rete con un colpo di testa su splendido cross da sinistra di Benedetti. Inutile la rete della bandiera segnata da Barraco al 90'. Vittoria netta e meritata per un Pisa che esalta subito i suoi tifosi in un'Arena che ritrova l'entusiasmo dei tempi migliori. Rileggendo le cronache di quell'incontro è curioso emerge la prestazione negativa dell'arbitro Abisso:  esagerato su Mingazzini, fiscale in certe situazioni e con il cartellino facile viste le ben nove ammonizioni. Non da mai la sensazione di avere in pugno la gara.



Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI