Il Pisa più bello della breve gestione Cozza manda al tappeto il Perugia

di Andrea Chiavacci
articolo letto 848 volte
Foto

La partita più significativa della breve gestione di Francesco Cozza. Probabilmente la gemma più bella di una stagione finita con la delusione della sconfitta in extremis nella semifinale play-off a Frosinone. Il Pisa che batte 2-1 il Perugia il 16 febbraio 2014 coglie una vittoria più netta di quanto dica il punteggio contro la squadra che poi vincerà il campionato. Decisivi Napoli e Arma con un Mannini in gran spolvero. Prima della gara doveroso minuto di silenzio per ricordare Corrado Benedetti, ex allenatore di entrambe le squadre;  nella stagione 2001-2002 centrò 6 vittorie di fila riuscendo a salvare la squadra dopo esser subentrato a Guido Carboni con la squadra all’ultimo posto.

Partenza sprint del Pisa. Al’1’ Mannini salta Koprivec e perde l’attimo per calciare, poi passa ad Arma che incredibilmente non riesce a segnare e Massoni salva sulla linea di porta. Il gol è nell'aria e arriva dopo 8 minuti:  Scognamiglio, proprio lui,  fa un retropassaggio corto per Koprivec, Napoli lo anticipa e segna nonostante le proteste del portiere sloveno poi ammonito. Il Pisa è incontenibile e gioca a ritmi alti nelle ripartenze. Al  15’ Napoli si invola a sinistra e centra per Arma che stavolta non sbaglia mettendo a segno di sinistro il suo decimo gol stagionale, alla fine saranno 15. Il Perugia subisce il doppio colpo e mette la testa fuori per la prima volta al 26’ con un gran tiro di Felipe fuori di poco, poi al 33' ci pensa Provedel  deviando in angolo un colpo di testa di Fabinho. Ma poco dopo è ancora il Pisa ad andare vicino al tris quando Felipe si addormenta e perde palla sulla propria trequarti, Mannini interviene e ci prova con un pallonetto ma Koprivec recupera. Camplone sposta Fabinho a destra e al 39’ il brasiliano appoggia dietro per Eusepi, attuale attaccante nerazzurro,  che calcia altissimo da buona posizione.

Sofferenza finale ma vittoria stramerita. Il Pisa non pensa a difendersi nella ripresa. Al 13' cross di Cia per Goldaniga che sfiora il palo. Un minuto dopo azione fotocopia con colpo di testa vincente di Goldaniga. Il difensore esulta sotto la nord ma non si accorge che l’assistente aveva già alzato la bandierina. Al 21’ Arma fa fuori mezza difesa e viene steso al limite da Carcione;  l'azione prosegue e Koprivec alza sopra la traversa il tiro di Mannini.. Al 26' il Pisa riapre la gara da solo: Provedel sbaglia il rinvio e serve proprio Eusepi, i due si scontrano e la palla finisce a Mazzeo che deposita in rete. Eusepi si fa male, prova a resistere ma  al 31’ lascia il posto a  Henty. Finale nervoso con il Pisa che resta in 10 per un rosso diretto, esagerata la decisione di Illuzzi,  per Kosnic reo di un entrata a gamba tesa su Sprocati e Provedel decisivo su Carcione. Vittoria giusta e Pisa che sembra a una svolta. Non sarà così visto che un mese dopo Cozza sarà esonerato dopo neanche 100 giorni sulla panchina nerazzurra. Resta il piacevole ricordo di essersi confermati bestia nera del Perugia in quello che è stato l'ultimo confronto tra le due squadre.


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI