Stagione 1990-91: Pisa-Cesena 3-2. Una tripletta di Padovano ribalta tutto

di Andrea Chiavacci
articolo letto 946 volte
M.Padovano
M.Padovano

Dalla disperazione alla gioia nel giro di un tempo. Con una tripletta di Padovano, due rigori, il Pisa rimonta e supera  il Cesena di Marcello Lippi in quello che è l'ultimo confronto giocato in Serie A tra nerazzurri e bianconeri romagnoli.

Operazione riscatto. Il 2 dicembre 1990 il Pisa ospita il Cesena in una gara che diventa già importante in chiave salvezza. I nerazzurri di Lucescu dopo una bella partenza iniziano a subitre troppi gol e si ritrovano in piena bagarre sul fondo classifica. Contro il Cesena il Pisa parte all'attacco ma i romagnoli sono mortiferi in contropiede. Al 25' Ciocci si fa tutto il campo palla al piede e batte Simoni in uscita sotto la curva Nord. Il tifo pisano viene gelato di nuovo al 34': altro contropiede di Ciocci che vede Silas tutto solo in area pronto a girare a rete. L'uno-due pare irrimediabile e il pubblico rumoreggia. Passa appena un minuto e il Pisa torna in partita: Esposito atterra in area Dolcetti e l'arbitro Magni decreta il primo rigore di giornata. Piovanelli si era fatto ipnotizzare da Taffarel contro il parma e quindi dagli undivci metri va Padovano che non sbaglia e riapre i giochi. Al 41' punizione  da destra di Neri per il colpo di testa di Lucarelli, il portiere Fontana si supera ma poi smanaccia malamente favorendo la girata in mischia e sotto misura del solito Padovano che ristabilisce l'equilibrio prima dell'intervallo.​

Cuore e follia. Anche nella ripresa la gara resta aperta e vibrante. Giocata da entrambe alla grande in fase offensiva ma con marcature allegre che favoriscono lo spettacolo e sono un colpo mortale per le coronarie dei tifosi. Il Pisa attacca ma rischia ancora in contropiede. Ciocci è scatenato e al 66' Simoni è prima prodigioso su un suo tiro ravvicinato e poi fortunato quando sulla ribattuta l'ex interista fa tremare la traversa. La gara si decide al minuto 81: Padovano serve in area Simeone che viene atterrato nda Piraccini, per Magni è di nuovo rigore. La decisione appare giusta ma il Cesena protesta a lunga. Padovano non si fa intimorire e spiazza Fontana. Stavolta la Nord può far festa. Si aprono praterie e Piovanelli potrebbe fare poker ma viene anticipato da Gelain dopo che l'ottimo Cristallini, schierato terzino destro, aveva rubato palla a centrocampo. Con tanto cuore e un po' di follia il Pisa torna così a vincere dopo oltre un mese. Il futuro C.t. della nazionale Marcello Lippi china il capo e se la prende con l'arbitro, Lucescu sorride perché il Pisa sembra fuori dal tunnel. A fine stagione Pisa e Cesena retrocedono entrambe e i due tecnici saranno esonerati.



Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI