Giuseppe Corrado: "Il nuovo stadio sarà un valore aggiunto per la città. A Cuneo la squadra ha dimostrato carattere"

di Marco Pieracci
articolo letto 2675 volte
Foto

A margine della presentazione dei sette progetti per la ristrutturazione dello Stadio Arena Garibaldi ha parlato il presidente del Pisa Giuseppe Corrado: "E' stata una serata interessante, nella quale credo siamo riusciti a far capire alla città come vogliamo lavorare: con grande trasparenza e apertura alle idee di tutti, salvaguardando quelle che sono le regole urbane di un quartiere importante. Se siamo arrivati fino a qua è perchè abbiamo avuto una collaborazione ed una interazione con l'organo comunale. In questi 7/8 mesi abbiamo creato i presupposti per questi progetti, che hanno recepito tutte le regole che il Comune ci ha dato. Il nostro non sarà un miracolo ma la realizzazione di un progetto importante: più faremo in fretta e più il progetto riuscirà a dare i propri frutti. Si tratta di qualcosa di costruttivo per la città e sono convinto che non ci sarà nessuno ostacolo o diniego. Ci saranno dei tempi tecnici ma come ha confermato il sindaco saranno i più stretti possibili. Faremo di tutto perchè i tempi si riducano e la primavera sia di rifioritura per un nuovo stadio a Pisa. I risultati sportivi sono la nostra premessa di progettualità sulla squadra e quindi saranno determinanti per accelerare una concreta rivalutazione del marchio Pisa. Il progetto stadio andrà avanti in ogni caso perchè abbiamo la credenziale di una città importante, il risultato sportivo ha anche un po' di imponderabile però stiamo lavorando per ridurre la parte di imponderabile e creare un presupposto di maggior realismo anche per ottenere un risultato sportivo importante che ci permetta di andare dove la squadra e la città merita". Infine un commento sul primo successo esterno in campionato: "Le vittorie aiutano, il risultato di Cuneo è importante perchè ci dà tre punti ma io sono contento soprattutto della prestazione, del carattere e della voglia di vincere che non avevo visto ad Olbia. La cattiveria che serve per vincere in giornate non fortunate ieri l'abbiamo ritrovata dopo un errore superficiale di un nostro giocatore che si è fatto espellere costringendo la squadra a giocare per 65 minuti in dieci uomini. Ieri abbiamo visto una squadra che voleva ottenere il risultato con la forza e l'ha ottenuto. Con questo temperamento si può andare lontano. Questo, aldilà dei tre punti importanti per la classifica, è il miglior segnale arrivato. Abbiamo avuto la conferma che questa squadra ha carattere e se con la qualità che dimostra di avere anche carattere il futuro sarà positivo".


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI