Presentati in Comune i sette progetti di ristrutturazione dell'Arena Garibaldi

di Marco Pieracci
articolo letto 2019 volte
Foto

Si è tenuta stamattina, nella Sala Baleari del Comune di Pisa, la conferenza stampa di presentazione dei sette progetti di ristrutturazione dello Stadio Arena Garibaldi.

A fare gli onori di casa è stato il Sindaco Marco Filippeschi: "Siamo ancora in una fase preliminare del progetto, ciò che auspichiamo è che nelle prossime settimane si avvii l'iter di valutazione che dovrà portare alla effettiva realizzazione del progetto. Ribadiamo la disponibilità che abbiamo dato fin dall'inizio. La società ha scelto di fare un grande investimento sportivo di lungo termine, che riguarda anche attività collaterali allo sport e noi faremo di tutto per agevolarla. Si tratta del progetto di ristrutturazione dello stadio che è un bene pubblico del comune e ha evidenti problemi di usura. La presenza di un impianto vicino alla zona monumentale, a un polo fortemente attrattivo, puó rappresentare occasione di business che aiuta a stabilizzare e a dare prospettiva al progetto sportivo. Per questo siamo a disposizione e chiederemo tempi brevi per cominciare l'iter perchè siamo alla fine di un mandato legislativo. Credo comunque che ci sia una buona disponibilità del Consiglio a fare i passaggi dovuti nel minor tempo possibile". 

La parola passa poi al presidente del Pisa Giuseppe Corrado: "La prima cosa da fare è raccogliere l'invito del Sindaco ad essere veloci nel dare avvio a questo progetto preliminare che verrà scelto per non perdere tempo e continuare su quell'ipotesi progettuale partita subito dopo il nostro arrivo a Pisa. Abbiamo trovato nella struttura ammininistrativa grande collaborazione: il progetto dello stadio era uno dei punti cardine del nostro programma. Pisa è un brand internazionale: per questo abbiamo pensato che la funzione di intrattenimento del calcio potesse integrarsi bene con questa città. Lo stadio è il contenitore di una società calcistica, che genera valore grazie all'aggregazione tra i tifosi durante la partita, ma non solo. Noi pensiamo a un centro di intrattenimento culturale, artistico che deve vivere 365 giorno l'anno, migliorando la vivibilità di un'area importante della città come quella di Porta a Lucca. Vogliamo essere veloci, perchè avere uno stadio permetterà di dare più linfa al processo virtuoso di autofinanziamento, dando valore al nostro progetto sportivo".

Infine l'intervento di Alessandro Pasquarelli, CEO dell'advisor Innovation Real Estate: "Per arrivare alla scelta di questi sette progetti preliminari c'è stato un percorso abbastanza lungo che è durato qualche mese e che ci ha obbligato a capire bene le esigenze del quartiere per garantire una migliore accessibilità ai servizi. Sarà predisposto un comitato tecnico che aiuterà l'investitore a scegliere il progetto. C'è una società sportiva che decide di investire non soltanto nella squadra, ma anche in un luogo come lo stadio con l'obiettivo di progredire e dare un contributo alla città, in una logica di condivisione". 

 


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI