Lamberto Piovanelli: “Tutti uniti a sostegno della squadra”

di Anna Catastini
articolo letto 1779 volte
Foto

L’ex bomber del Pisa di fine anni '80, Lamberto Piovanelli commenta ai microfoni di “50 Canale” il momento del Pisa: “A Vicenza non è stata una gara positiva, la squadra non ha messo in campo tutta la sua bravura. Gli interventi della società sono stati importanti, stiamo parlando di una società forte. L’allenatore è bravo e va sostenuto. Domenica, contro il Vicenza, non è andata bene si legge qua e la che la gente è demoralizzata dando anche delle colpe a Gattuso. Questo non deve portare a deprimere l’ambiente, si deve fare ancora di più quadrato e stare vicino alla squadra. Il tifo pisano è uno dei migliori”.

Il ko di Vicenza ricorda molto la sconfitta contro Cagliari maturata nei minuti finali e una promozione che rischiò di sfumare ai tempi di Piovanelli:Fu una trasferta indimenticabile. Sul tragitto del ritorno qualche giocatore faceva già programmi con le partite contro la Lazio e quella contro la Cremonese. Io ero demoralizzato, deluso e mi sentivo perso e sinceramente non credevo ad una possibile promozione a Cremona. Il presidente Romeo fu bravo a tenerci uniti. Mi ricordo uno stadio pieno di tifosi pisani nella gara contro la Lazio, da quel momento iniziò la nostra ripresa. Ricordo che la Lazio veniva da una penalizzazione, la battemmo con una grande partita, poi quello che è successo a Cremona tutti lo sappiamo”.

Sul Pisa di oggi e sull’ambiente: “Dobbiamo remare tutti dalla stessa parte a partire dai social network. Tutti i tifosi devono dare il proprio contributo, nessuno deve andare contro a nessuno, poi a fine campionato tireremo le somme”.

In conclusione: “Quella di Corrado è una società importante, abbiamo avuto questa fortuna di trovarci in Serie B, una situazione che ci meritiamo dopo anni di sofferenza. Ora più che mai ci dobbiamo impegnare tutti, e stare vicino alla società ai ragazzi. Poi il prossimo anno con la categoria mantenuta possiamo iniziare un nuovo campionato con tranquillità”.


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI