Pisani a Arezzo ne vòi ?

di Antonio Cassisa
articolo letto 2033 volte
Foto

Pareva d'esse' ai preioffe tanta era l'attesa per la prima trasferta dell'anno. Mìa per nulla eh ? 'un è che s'andasse a gioà ar bernabeu, ma dopo la trasferta rinviata 'ontro ir Teramo ner frattempo 'e la giustizia decidesse 'un si sa cosa (e mi sa che 'un lo sapevano nemmeno loro infatti poi alla fine 'un hanno deciso una sega nulla e ora c'è una sfirza di partite da reuperà còr Teramo e còr Savona), le due partite gioate in casa avevano evidenziato un bell'entusiasmo intorno alla squadra. Sicchè sabato pomeriggio ar Pisa ni toccava la trasferta a Arezzo e la 'uriosità era propio tutta lì : di vede' come si sarebbe 'omportata la squadra lontano dall'Arèna. In trasferta si sa, manca l'apporto unìo della 'urva nord e i pisani che seguano ir pisa ce la mettano tutta ma 'un si pòle dì che siano tantissimi. Ner frattempo però a Pisa, s'è già detto tante vòrte, fòrze troppe, s'è riaccesa vèlla fiammellina che la vecchia società invece d'attizzalla e di rinvigorilla, ci tirava l'acqua sopra (acqua di fonte, è chiaro) e a Arezzo s'era in cinquecento … ora 'un stiamo a parla' di esodi e senza la 'urva non tesserata è sempre tutto un po' all'acqua di rose, però devo esse' sincero tra chi è sempre andato, chi s'è aggiunto, quarche macchina di vèlli 'e ni garba fermassi a mangia' le bistecche a giro per l'italia e quarche bèr gruppo nòvo, i pisani a Arezzo erano bellocci. Tutti 'olorati, tante bandiere, begli striscioni, magliette der pisa, rossocrociate, sciarpe e tante voci. La 'osa 'un è per nulla brutta perchè dall'artra parte ci sentivano (si 'apiva dai fisti e dai puppa che partivano in quella 'urva tutta amaranto che anche se era mezza vòta 'olorata 'osì pareva piena) e comunque 'un s'era di fronte a uno stadio pieno, sicchè 500 pisani si sentivano eccòme.
In curva c'era parecchio entusiasmo e voglia di spinge' questi ragazzi che fin dar primo giorno hanno dimostrato di gradire (mìa come quelle pottine lesse dell'artr'anno che troppo tifo l'intimoriva popòdicaate) la vicinanza della tifoseria e fin dall'inizio c'è stata una vera e propria gara a non smette' mai di 'anta'. A dì' la verità l'inesperienza si vede dalle piccole 'ose e a quarchedùno ni s'è dovuto chiede' ir piacere di 'onta' armèno fin'a cinque prima di manda' ir coro successivo perchè s'era in apnea e 'un ni si stava dreto. Però senza dubbio l'effetto che sortiva da quei gradoni era bello bello.
Di bello nella 'urva norde dello stadio d'Arezzo, ortre ai pisani, c'è anche un barrino gestito da dù orchi aretini che in un buo con dù fessure minuscole ni si vedeva solo la testa ma facevano a gara a servitti bene e subito. Barrino dimòrto fornito, a dì la verità, con vari tipi di birre, pizze, anche càrde e soprattutto … ir mitìo CaffeBorghetti nella bottiglina di prastìa che pareva fosse più perioloso d'una bomba a mano (infatti 'un si trovava più da punte parti) ma che noi s'è bevuto e ribevuto con piacere senza nemmeno fassi passa' per la testa l'idea di tirallo.
Parlavano d'una trasferta a rischio maddè, i tempi son cambiati gente e ora tra restrizioni, tessere, tornelli e polizia da tutte le parte l'unìo rischio è quello d'entra' a partita iniziata perchè ti fanno perde' tempo prima d'entra' 'ontrollando tutto e tutti.
La partita s'è seguita tra una giratina ar barre e una pisciatina nei cessi chimici della 'urva (peggio dei nostri ma più profumati … i cessi dell'Arèna in quanto a puzzo 'un si battano) e devo dì che ir boato ar momento der pareggio di Ricci su rigore c'ha ripagato tutti der viaggio, andata e ritorno.
Tutti soddisfatti, pieni 'ome poponi, siamo tornati verzo Pisa 'onzapevoli che quando pareggi una partita che dovevi perde' vòle dì che la fiducia dei pisani vèrzo questa squadra e questa società è in quarche modo giusitifiàta, e mentre l'autista guida sur purma mi torna all'orecchi l'urtìmo coro còr quale ci siamo congedati dar pubbrìo aretino …. se ir tifo non ce l'hai, te lo facciamo noi, arezzo arezzo vaff …. benedè.
Ma 'un mìa finita vì eh ? Le volevi le trasferte ? Domenia tocca anda' a Santarcangelo e poi tutti all'Arèna … 'un si vede l'ora. E se piove di vèr che tòna ...

SempreForzaPisa
 


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI