Il prossimo avversario: la Pistoiese

di Andrea Pardini
articolo letto 357 volte
Foto

 

Due punti in quattro partite. Poco, pochissimo per una squadra partita come outsider e con i playoff in testa. Gli ingranaggi di Indiani sembrano un po’ arrugginiti e in attesa di una sistemata, ma è pur vero che siamo solo all’inizio del campionato.

Punti di forza. Gli arancioni hanno individualità da temere. L’attaccante Rovini ha già segnato tre goal ed è sembrato in buona forma. Poi l’esperto Fanucchi, che sa come far male alle difese, e il centrocampista pisano Luperini, che con Indiani  si trova a suo agio. Tante le frecce a disposizione della Lucchese, tanti i giocatori che arrivano al tiro con facilità: la fase offensiva ha una grande potenziale. Altro punto di forza, sulla carta, è l’allenatore Indiani, che nel corso degli anni ha saputo imbrigliare il Pisa. Ma dati i risultati sarà davvero così? Inoltre i neroazzurri dovranno sfatare il maledetto campo della Pistoiese.

Punti deboli. 11 goal subiti in 4 partite, quasi tre reti a gara. La difesa non è stata convincente finora e l’acquisto di Ceccarelli va proprio in questa direzione. Preoccupanti anche i blackout che la squadra ha durante le partite, soprattutto in situazioni di vantaggio (la rimonta del Gozzano è solo l’ultima beffa). Una squadra dal buon potenziale, ma fragile e confusionaria nelle prime quattro giornate.


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy