La prossima tifoseria avversaria: la Reggiana

di La Redazione
Fonte: gruppo Facebook "Pisa Fans Club 1909"
articolo letto 3369 volte
Foto

Il tifo organizzato a Reggio Emilia, come in molte altre città d'Italia, nasce negli anni settanta. Sono sparsi tra le province di Reggio nell'Emilia e Modena i circa trenta Granata Clubs affiliati al centro coordinamento. Nella curva sud dello Stadio Città del Tricolore il principale gruppo ultras è quello delle Teste Quadre.

I primi club organizzati sorsero nella seconda metà degli anni sessanta mentre i primi gruppi ultras videro la luce a metà del decennio successivo. Nel 1979 nacquero gli Ultras Ghetto, il gruppo che per circa quindici anni avrebbe trainato le redini del tifo nella curva sud dello stadio Mirabello. Successivamente si formarono anche gruppi minori, provenienti per lo più dalla provincia, come i Fedelissimi, Front, Armata Granata, Mods, Inferno Granata, South Commandos, Scomodi Granata, Vecchia Guardia e altri che arricchirono ulteriormente il tifo reggiano di colore e passione. Nel 1995 il Ghetto si sciolse e poco alla volta gli altri gruppi scomparvero dalla curva. Dopo un periodo di transizione, nel 1999 nacquero le Teste Quadre, che divennero il gruppo trainante della tifoseria più accesa.

Altro importante gruppo ultras, anche se non più posizionato in curva sud, è il Gruppo Vandelli. Nato come piccolo sottogruppo all'interno del Ghetto, dopo il suo scioglimento il Vandelli divenne uno dei gruppi ultras più importanti nella curva sud. Le origini del Gruppo risalgono, circa, alla metà degli anni Ottanta, periodo in cui la Reggiana, allora militante nel Campionato di Serie B, fu acquistata dal giovane imprenditore Giovanni Vandelli. 

GEMELLAGGI : Carrarese, Cremonese, Vicenza

NEMICI : Parma, Modena.

Rapporti con i pisani: Dagli anni '80 c'e' stato un gemellaggio fra le due tifoserie terminato con l'introduzione della famigerata "tessera del tifoso", a cui i reggiani decisero da subito di aderire in aperto contrasto con la linea intrapresa dalla "Curva Nord Maurizio Alberti". Ad oggi c'e' rimasto solo rispetto ed indifferenza.


Guarda le foto sul profilo Instagram
Commenta le notizie sulla nostra pagina Facebook
Seguici su twitter
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy