La Top 11 della decima giornata

di La Redazione
articolo letto 164 volte
Foto

Giornata caratterizzata dal ritorno in campo dell’Entella, che mostra solidità e qualità contro il Pisa. Il Piacenza si conferma buona capolista, mentre la Carrarese torna a divertire. Da segnalare la prima storica vittoria per il Gozzano. Ecco i protagonisti del turno:

Portiere

Zaccagno (Pro Piacenza): prende goal e viene battuto, ma è strepitoso in diverse situazioni, anche molto complesse. Permette ai suoi compagni di rimanere in partita fino all’ultimo.

Difensori

Pellizzer (Entella): mostra una grande solidità e una grande lettura nelle varie fasi di gioco. Permette una gestione oculata del vantaggio.

Battistini (Pro Patria): in una gara difficile per la costante pressione offensiva del Pontedera, resiste e si mette in mostra grazie alla concentrazione e alla precisione.

Pelagatti (Arezzo): non conosce nulla agli attaccanti avversari, sempre puntuale è attento. Fa ripartire con velocità gli attacchi della squadra, anche se alla fine il goal non arriva.

Centrocampisti

Sestu (Piacenza): segna in ripartenza incrociando alla perfezione. È il goal che sigilla la vittoria e la vetta, a cui si aggiunge un gran lavoro ricco di qualità

Paolucci (Entella): sempre nel vivo del gioco, bravo sia in fase di impostazione sia nel recupero palla. Domina a centrocampo, dimostrando uno spessore raro per la terza categoria.

Foresta (Carrarese): accende la luce in mezzo al campo, ha idee incisive. Con tecnica e visione di gioco, perfetto l’assist per Tavano. Non solo qualità, anche corsa e sacrificio.

La Rosa (Arzachena): il goal su punizione è pura gioia per i tifosi e i compagni che conquistano una vittoria importantissima, imponendosi sugli avversari più quotati. Una bella prestazione con una giocata che fa la differenza.

Attaccanti

Tavano (Carrarese): continua a regalare spettacolo e magie. E punti per la squadra di Baldini. Magnifica la rovesciata dal vantaggio, delizioso il pallonetto per il raddoppio.

Gucci (Pro Patria): all’improvviso nel bel mezzo della sofferenza, arriva il suo scatto e la sua zampata. Concentrato, veloce, cinico.Arriva una palla e segna.

Sorrentino (Lucchese): decide il match con un gran tiro dalla distanza. Decisivo ai fini del risultati e per tre punti pesanti dopo la penalizzazione. Letale, come deve essere una punta.


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy